NEGOZIO-MAGAZZINO IN PRIMA PERIFERIA

ORVIETO (TR) - Via A. Costanzi n. 37 - ( zona periferica di Orvieto)

Descrizione della Proprietà

Locali posti al piano seminterrato di un complesso immobiliare costruito nei primi anni 70 (di cinque piani fuori terra + seminterrato) attualmente i locali totalmente sgombri da qualsiasi arredo sono destinati ad uso negozio all’ingrosso e magazzino.

Tuttavia vista la scarsa presenza di aperture (finestre) e la mera collocazione (retro immobile a piano seminterrato) possiamo ipotizzare una difficile collocazione nel mercato immobiliare dei negozi a differenza di un più congruo mercato dei magazzini/deposito.

I locali sono composti da:

Piano seminterrato: altezza cm. 3,52 unico locale destinato a negozio all’ingrosso con relativa tramezzatura interna che separa la porzione destinata a magazzino. Detta tramezzatura risulta di minor dimensione di quella riportata nelle tavole grafiche depositate in amm.ne com.le (maggior ampiezza apertura, priva di infisso). Esternamente l’immobile si presenta in mediocre stato manutentivo, privo di pittura e bisognoso di una consistente manutenzione.

I locali si sviluppano totalmente a piano seminterrato con ingresso sul lato posteriore del complesso edilizio. Detto ingresso è raggiungibile tramite due rampe carrabili, ricadenti sul resede condominiale, che portano anche ai garage dei soprastanti appartamenti, la prima sul prospetto laterale destro (completamente asfaltata) e la seconda dal prospetto laterale sinistro (in parte non asfaltata). L’accesso ai locali è garantito da due aperture che ricadono su una “rientranza” del prospetto posteriore.

Il complesso immobiliare, di cui fa parte l’immobile in vendita, è destinato a magazzini e garage a piano seminterrato, negozi a piano terra ed appartamenti a piano primo ed è posto lungo l’arteria stradale principale S.S. n. 71 (traversa interna Via Angelo Costanzi) che collega l’uscita dell’Autostrada del Sole alla città di Orvieto. Per detta motivazione sono presenti lungo questo importante asse stradale alcuni centri commerciali, misti a depositi e fabbricati artigianali (in minor quantità).

Gli infissi sono costituiti da profilati di alluminio anodizzato e vetro singolo, muniti di saracinesche in lamiera metallica con comando di apertura/chiusura elettrico, al contrario delle finestre, poste sul prospetto retro del complesso immobiliare che sono realizzate in profilati di ferro e vetro singolo, con unica apertura a vasistas e muniti esternamente di grata in ferro. Dette finestre risultano esternamente poste ad un’altezza variabile dal piano di campagna da cm. 50 a cm. 200 visto che ricadono in prospicienza della rampa carrabile, mentre internamente sono poste a circa cm. 250 dal pavimento.
La struttura dell’immobile risulta costituita da pilastri in cemento armato gettato in opera con relative travi ricalate sotto i solai di tipo latero-cemento.
La pavimentazione dei locali è in piastrelle di graniglia di stessa vetustà dell’immobile (anno 1970). E’ presente all’interno dei locali il solo impianto elettrico costituito da fasce di neon, nessun tipo di generatore di calore. I locali sono corredati da n. 1 servizio igienico con relativo antibagno. All’interno dei locali in oggetto passano varie condutture (linee di scarico acque nere e chiare, condotta idrica, pluviali ecc…) di proprietà “condominiale” dell’intero complesso edilizio, alcune sono sotto traccia, altre all’interno di cassettature in aderenza dei pilastri (finti pilastri) ed altre a faccia vista prive di mascheramento. Visto che alcune di queste condotte passano all’interno dei muri perimetrali e visto che alcune di queste risultano deteriorate (pluviali provenienti dalla copertura) queste generano all’interno una forte tracimazione delle acque meteoriche che hanno causato un irrimediabile e insalubre (muffe) distaccamento dell’intonaco, oltre alla presenza a quota prospicente la pavimentazione di un’umidità di risalita dalle fondazioni del complesso edilizio. Cosi come altri distaccamenti di intonaco e “bollature” sono presenti nei due lati dei locali che risultano totalmente interrati. 

 

DIMENSIONI GENERALI
Piano seminterrato Negozio all’ingrosso Mq. 420 x 1 = Mq. 420 (vedasi tavola grafica ultimo titolo aut.ivo Mq. 390 utili) Magazzino Mq. 59 x 0,65 = Mq. 38 Resede esclusa area a sedime edificio Mq. 0
Totale superficie commerciale Mq. 458

 

IMPIANTI PRESENTI
– impianto elettrico di illuminazione con corpi illuminanti prevalentemente appesi a soffitto di tipo neon lineare.

– nessun impianto termico o di aerazione forzata.

 

RIFERIMENTI CATASTALI
Comune di Orvieto (Terni) catasto fabbricati:
– foglio 158, p.lla 31, sub. 135, superficie catastale 445 mq., rendita euro 11.048,46.

 

CONFORMITÀ CATASTALE ED URBANISTICA
Alla data del sopralluogo la rappresentazione catastale NON corrispondeva allo stato di fatto vista la presenza della maggior apertura nella tramezzatura. Necessario aggiornamento catastale (procedura DOCFA). Aggiornamento compiuto con Docfa in data 30.09.2019 Protocollo n.: TR0050450 In merito a quanto sopra indicato si ritiene che tutte le opere realizzate in difformità sono assentibili mediante presentazione di Sanatoria e con il pagamento della sanzione pecuniaria di € 1.000,00 ai sensi dell’art. 6 comma 2 del DPR 380/01. A detto importo dovranno essere sommate tutte le spese inerenti, i diritti di segreteria e gli onorari del tecnico incaricato alla redazione della pratica edilizia. Quindi complessivamente le spese e gli onorari necessari alla sanatoria delle opere difformi ammonteranno a circa € 3.000,00. Se invece si scegliesse il ripristino delle opere all’ultimo stato di progetto, queste consisterebbero nella ricostruzione della tramezzatura con relativa installazione dell’infisso. Quindi in base agli atti autorizzativi, sotto il profilo della regolarità urbanistica, dopo la presentazione della sanatoria o il ripristino delle opere, sopra indicate l’immobile verrà garantito conforme a tutte le norme urbanistiche ed edilizie vigenti.

 

STATO DI OCCUPAZIONE
L’immobile è libero da persone, ma non da cose che dovranno essere liberate a carico dell’aggiudicatario. Non è locato e non è utilizzato.

 

INFORMAZIONI
Per la visione e per ulteriori informazioni, è possibile contattare in qualsiasi orarioanche nei giorni festivi, il referente a lato indicato al numero telefonico o tramite email.

Come arrivare

IN AUTO

da Nord: Prendere autostrada A1 direzione E35
Prendere l'uscita di Orvieto
Proseguire su Via Angelo Costanzi

da sud: Prendere autostrada A1 direzione E35
Prendere l'uscita di Orvieto
Proseguire su Via Angelo Costanzi

IN TRENO

DA NORD
Alta velocità Milano/Roma, tempo di percorrenza 3 h circa
Roma/ Stazione di Orvieto, 1h circa

DA SUD
Roma/ Stazione di Orvieto, 1h circa

Aereo
Non vi sono voli su Orvieto
L'aeroporto più vicino è quello di Roma

Rogito

Il trasferimento del lotto avverrà mediante atto notarile di compravendita che sarà stipulato nelle ordinarie forme privatistiche, con termine a favore della procedura, a ministero del notaio Francesco Cirianni, individuato nel distretto di Arezzo.

Il trasferimento del lotto avverrà comunque dopo il pagamento del saldo prezzo ed il versamento dell'importo comunicato dal Liquidatore Giudiziale quale spese, diritti, imposte, compensi ed oneri conseguenti al trasferimento.
Il saldo prezzo, detratto quanto gà versato a titolo di cauzione, dovrà essere versato nelle mani del Liquidatore Giudiziale presso il suo studio, a mezzo assegni circolari non trasferibili intestati al concordato, entro il termine di 75 (settantacinque) giorni dalla data di aggiudicazione.

Planimetrie

Descrizione zona

Orvieto è un piccolo borgo dell'Umbria abbarbicato su una rupe di tufo. Il Duomo (1290) con la sua facciata a mosaico ospita una scultura marmorea della Pietà. Il Pozzo di San Patrizio (XVI secolo) dispone di una doppia scala a chiocciola. Una rete di grotte sotterranee testimonia le radici etrusche della cittadina. Manufatti di quel periodo, tra cui ceramiche e oggetti in bronzo, sono esposti al Museo Archeologico Nazionale.

L'agricoltura, specializzata nella produzione di uva e olive, alimenta un cospicuo comparto agro-alimentare, che si va affrancando dai limiti della produzione artigianale; l'industria è presente inoltre con stabilimenti metallurgici, elettronici e meccanici (macchine per l'agricoltura), nonché opifici manifatturieri delle confezioni e dei materiali da costruzione. Anche il terziario si è sviluppato in modo significativo, arricchendosi di raffinati esercizi commerciali e servizi specializzati.

Rispetto all’uscita dell’autostrada del Sole A1, (segnaposto rosso) ad 1,2 km. A poco più di 3  minuti di auto.

 

Scheda di sintesi
  • Tribunale di Arezzo
  • Fallimento N.Concordato Prev. 10/2016
  • Rif. F7302
  • Lotto 02
  • € 134.000
    ,00
  • Valutazione (C.T.U) € 134.000,00
  • Base d'asta € 134.000,00
  • Offerta minima in aumento € 2.000,00
  • Gara di vendita il06/02/2020 - ore 10.30
  • Deposito offerte entro 4 febbraio 2020 - ore 13.00
Maggiori informazioni
Dott. Gianluca Poggiaroni
  • Dott. Gianluca Poggiaroni
  • 3386230816

Richiesta Visita Immobile
Style Selector
Select the layout
Choose the theme
Preset colors
No Preset
Select the pattern

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi